Previsioni per sabato, 20 agosto 2022

Ignoprevisioni - Il meteorologo ignorante

Previsioni per sabato, 20 agosto 2022

Tanta Africa, troppa Africa…

E non da ieri…

E i segnali più evidenti sono arrivati ben presto…

E non da ieri…

Le Alpi sgocciolavano già nel mese di maggio…

E il Mar Mediterraneo ha accumulato lo stesso calore e la stessa energia potenziale del Golfo del Messico…

Casa Italia si trova esattamente nel mezzo, in quella fascia temperata dell’emisfero boreale che si frappone tra la fascia tropicale e quella polare…

Siamo meta prediletta delle incursioni sub-tropicali, sempre più frequenti, ma siamo anche meta delle incursioni polari, per quel meccanismo meraviglioso di ricerca di equilibrio che Madre Natura mette in pratica quotidianamente…

L’aria calda non si può accumulare all’infinito all’equatore e l’aria fredda non si può raffreddare all’infinito ai poli…

Ed è così che nascono gli scambi meridiani…

L’aria calda dall’Equatore tende a muovere i suoi passi verso il Polo…

L’aria fredda del Polo tende a scendere verso l’Equatore…

E non da ieri…

Più o meno da quando esiste il mondo e il suo sole…

Il problema nasce quando questi scambi non avvengono solo in mezzo all’oceano Atlantico, termicamente più dolce, più sfumato verso il caldo procedendo verso sud, verso il freddo procedendo verso nord…

Ma quando avvengono in un percorso meridiano che prevede il passaggio obbligato dal nostro Continente…

Che se scaldato a dovere (mare e terra senza distinzioni) crea i presupposti per eventi meteorologici drammaticamente estremi…

Ecco spiegati i 132 eventi estremi negli ultimi 7 mesi sventolati (giustamente) questa sera a mezzo media…

E mentre ci lecchiamo le ferite, l’alta pressione prova a riprendersi il comando delle operazioni a casa Liguria…

Con due novità di rilievo…

Abbiamo tirato giù qualche grado dal mare, sebbene resti alticcio…

E la massa d’aria che ci interesserà nei prossimi giorni a circa 1500 metri di quota rimarrà ancorata, grado più, grado meno, su valori prossimi alle medie stagionali del passato, oscillante fra 15 e 17 gradi…

Che tradotto, in termini termici al suolo significa che con Mastro Eolo orientato dal mare i 30 gradi non li raggiungeremo mai più, orientato dai monti, anche con l’effetto compressione, non si dovrebbero superare quasi mai i 30/32 gradi asciutti…

E si comincia domani, con una bella e luminosa giornata governata da un Gran Soleil tornato sontuoso e a brillare sui monti e lungo la battigia delle nostre riviere…

Unico dubbio, un po’ di convezione nei soliti santuari, le Alpi Liguri e l’Appennino centro orientale…

I modelli ne vedono pochina…

Ma l’evaporazione della pioggia di questi giorni, soprattutto lungo la linea di confine centro orientale potrebbe agevolare una fioritura un filo più vivace di quanto vedano i modelli…

Vedremo…

Bonsuar