Previsioni per sabato, 15 gennaio 2022

Previsioni per sabato, 15 gennaio 2022

Vietata la caccia nei boschi, ci si attiva con la caccia alle nuvole…

Ed oggi è stata particolarmente dura trovarne una…

Giornata scivolata via come l’avevamo disegnata…

Pressione in leggero calo ma spalmata col mattarello uniformemente tra Pianura e Mare Nostrum…

Differenziale pressorio azzerato e Sua Maestà ammutolita e completamente inibita…

Colori, profumi e valori termici sostanzialmente primaverili…

Alle gelate dei fondi valle di primo mattino ha fatto seguito un’impennata sontuosa di un Don Mercurio in forma smagliante…

Sollecitato da un Gran Soleil sempre più alto, luminoso e lussureggiante, e non più ostacolato da un travaso padano a tratti fastidioso, ha regalato (si fa per dire) massime da marzo inoltrato con punte di oltre 16/17 gradi persino nelle zone interne più lontane dal mare…

Un esempio su tutti, quasi da primato, è Calizzano, in val Bormida, che dopo una minima di -6.9, stacca un incredibile +16.1 mettendo in fila 23 gradi precisi di escursione termica tra giorno e notte…

Per il più classico degli abbigliamenti a cipolla…

Esci modello Fantozzi, torni Baywatch…

Domani, signore e signori, madam e messiè, ledisengentlemen, son prodromi…

Tenui, impercettibili, delicati, appena sfumati, ma sempre prodromi…

Mastro Eolo comincerà lentamente a tessere la sua tela muovendo un flusso d’aria da ovest verso est…

Target preferito le coste centrali della Toscana…

Un refolo, un soffio, uno sbuffo, uno spiffero di questo flusso tenderà a seguire l’andamento orografico di casa Liguria…

Notoriamente disegnato a mezza luna…

E tornerà indietro…

Debole e vagabondo, girerà in mezzo al Golfo accarezzando appena la linea di costa…

Gran Soleil sempre dominante, ma qualche batuffolo di Santissima sarà possibile avvistarlo…

Dove?

Lo so, è caccia grossa…

E il giolli settimanale me lo son giocato con la nevicata di Roma…

Coste ponentine in pol posiscion, la butto lì, dove presumibilmente quello sbuffo ritornate dalla Toscana potrebbe incontrare con la giusta inclinazione i contrafforti affacciati a Mare Nostrum e collaborare per la costruzione dei primi drappi di Santissima…

Don Mercurio in versione primaverile…

Il seppur debole richiamo dal mare manterrà i valori termici lungo la costa sotto una soglia di accettabilità…

I picchi massimi me li aspetto nelle zone interne, proprio come accade in primavera, quando il mare ancora freddo per l’inverno appena passato tende a calmierare le massime lungo la battigia, ma nulla può fare nelle zone interne dove l’alta pressione spinge dall’alto innalzando le temperature su valori più elevati rispetto alla costa…

In quota non commento neppure…

Sarà l’ennesimo scempio…

Dalla sera, poi, shhhhhhhh, che la First non sa ancora nulla, quel girotondo in mezzo al mare si farà un po’ più efficace e i brandelli potrebbero anche cominciare a farsi un filo più compatti…

Che dire per domenica…

Se son prodromi, prodromiranno…

Come?

Non si può andar per monti?

Mi tocca il mare ominibus modis?

Con Madre Natura intercedo, lo sapete, ma col governo è troppo, mi sopravvalutate…

Addiè